Settembre 26, 2021

La Pausa Info

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su La Pausa Info

Tutti i territori italiani ora sono ‘zone bianche’

Roma:

Da lunedì, le persone non dovranno più indossare maschere fuori dai grandi raduni, ha riferito l’agenzia di stampa Xinhua.

Ma nei trasporti pubblici, le mascherine sono ancora obbligatorie in tutti gli uffici pubblici e negli spazi interni.

Secondo un panel tecnico-scientifico che consiglia il governo sull’emergenza corona virus, le mascherine sono “fortemente consigliate” in presenza di vittime come gli anziani.

Dopo che il 25 giugno il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato uno specifico decreto, ha consentito a tutte le autorità regionali di rimuovere le restrizioni sulla base dei focolai positivi.

L’ultimo rapporto di sorveglianza dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha rilevato che meno di 50 casi ogni 100.000 persone in 20 regioni e province autonome d’Italia durano più di tre settimane.

Tuttavia, i funzionari sanitari erano diffidenti nei confronti della diffusione dei ceppi del virus corona in tutto il paese, con i ceppi delta e kappa che rappresentano il 16,8 per cento delle nuove infezioni in Italia a giugno, rispetto al 4,2 per cento di maggio. Rapporto dell’ISS.

“Epidemie di ceppi virali, in particolare varianti delta, vengono registrate in Italia e probabilmente avranno una velocità di trasmissione rapida e/o un certo grado di protezione immunitaria”, ha detto lunedì l’ISS.

La campagna di vaccinazione in altri Paesi ha già raggiunto gran parte della popolazione in circolazione della variante delta, e quindi consigliata su “monitoraggio dettagliato e smistamento dei casi”.

Nel frattempo, l’ISS ha affermato che la pressione sul sistema sanitario pubblico è bassa, con una media del 4% di posti letto nelle unità di terapia intensiva in tutte le regioni.

READ  Sabato in Italia ci sono stati 16 decessi per coronavirus e 6.513 nuovi casi

A partire da lunedì, più di 17,7 milioni di persone, ovvero il 32,9 per cento, erano completamente vaccinate in Italia, mentre 49,8 milioni erano state vaccinate.

In totale, nel Paese sono stati segnalati 4.258.456 casi governativi, inclusi 4 milioni di guarigioni, 127.500 decessi e oltre 57.000 infezioni attuali.