Settembre 26, 2021

La Pausa Info

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su La Pausa Info

Toronto: Il Tesoro Nascosto del Sud Italia

Toronto, Italia (CNN) – La Puglia avvolge il “tacco” della penisola italiana a forma iniziale. Ricco di uliveti, circondato da acque limpide e luminose, con belle città e borghi storici, il suo fascino incontaminato l’ha resa una meta sempre più popolare per i turisti.

L’elenco dei luoghi imperdibili della regione comprende siti Patrimonio dell’Umanità UNESCO come Alberobello e Castell del Monte, il lussureggiante parco nazionale di Caragano, le azzurre grotte marine di Salando e le bizzarre città di Otranto, Ostuni e Gallipoli.

Tuttavia, ciò che manca alla maggior parte degli elenchi come questo è un luogo storico e significativo.

Toronto è la seconda città più grande della regione, intrappolata nel Buckleys Heel Instep. Conosciuta come La Citte de Mari o la Città dei Due Mari, la sua tradizione risale agli Spartani, che la fondarono nell’VIII secolo a.C.

La città è spesso indicata come la capitale dell’antica Magna Gracia e porta con orgoglio la sua eredità greca.

Più recentemente, tuttavia, Toronto è stata associata a una sola cosa: l’Ilva Steelworks, una volta la più grande d’Europa.

La fabbrica, costruita negli anni ’60, da decenni sputa fumo nocivo nel cielo della città. Nel maggio di quest’anno Fabio e Nicola Riva, ex proprietari del famoso impianto, sono stati condannati a lunghe pene detentive per aver permesso l’inquinamento della città.

Se le fortune e l’industria della città sembravano inestricabilmente intrecciate, ora c’è la sensazione che non solo Toronto si staccherà dal suo recente passato, ma che il futuro di questa città inosservata potrebbe essere più luminoso.

Rinaldo Meluci è il sindaco di Toronto. L’ufficio di 44 anni in Citte Vecchia o Old Town si affaccia sul mare, ma non lontano dalla struttura in ferro che definisce la Toronto moderna.

“Negli ultimi 50 anni Ilva non ha solo danneggiato la salute e l’ambiente delle persone, ma ha anche danneggiato il loro stato mentale”, dice alla CNN. “Ha bloccato l’istruzione e la creatività; la fabbrica ha ricattato Toronto, e ha convinto la città di appartenere all’Ilva. È diventata il cantiere della fabbrica”.

Rivela il passato

Rinaldo Meluci, sindaco di Toronto, ha una visione per la sua città.

Rinaldo Meluci, sindaco di Toronto, ha una visione per la sua città.

Jonathan Hawkins / CNN

Melusi, che si è insediato nel 2017, afferma di provare a cambiare quella mentalità, introducendo un nuovo, glorioso e diverso futuro per mostrare la visione di Toronto di rinnovare la vecchia identità della città.

“C’era un certo DNA in questa città per 2500 anni”, spiega. “Ma negli ultimi 50 anni una nuova identità è stata imposta da una diversa ‘strategia aziendale’. Dobbiamo recuperare ciò che resta di quella storia.

Toronto ha ora un fondo di guerra da 1,5 miliardi di dollari (1,77 miliardi di dollari) in grado di gestire questa ripresa, e la città si sente improvvisamente viva di potenziale.

A giugno l’Italia ha ospitato la itinerante Sail GB, che collega città come Sydney e San Francisco al round della competizione internazionale, e nel 2026 ospiterà i prestigiosi Giochi del Mediterraneo.

La maggior parte del suo lavoro di riprogettazione, uno stadio nuovo di zecca, alla fine includerà la squadra di calcio della città, incentrata su quella scadenza.

Melousi ha cercato ispirazione in altre città industriali, in particolare Bilbao e Pittsburgh in Spagna, che si stanno riscoprendo per il futuro post-industriale. Ma, dice, Bilbao ha usato il vibrante Guggenheim Museum di Frank Kehri per ispirare la sua rinascita, rivelando e ripristinando il futuro di Toronto.

Uno di questi progetti è il gigantesco Palazzo Archida, un edificio di 20.000 metri quadrati che domina il centro moderno della città. È rimasto seduto da solo e vuoto nelle strade dello shopping di Toronto per più di un decennio come un colosso cupo e in decomposizione.

Presto, tuttavia, riaprirà con sedi che includono una nuova galleria d’arte, una biblioteca e strutture educative.

“Quando verrà restaurato, cambierà la vita e la luce dell’intera città”, crede Melucci, “perché non è solo un edificio, è il sito iconico di Toronto.

READ  Il regolatore italiano afferma che la diffusione incontrollata delle criptovalute è preoccupante

Il sito delle strade

La città vecchia è un labirinto di stradine.

La città vecchia è un labirinto di stradine.

Jonathan Hawkins / CNN

Tuttavia, il progetto più importante e importante della città è molto complesso.

Costruita sulla piattaforma Toric originale nell’antica Toronto è la Citte Vecchia, il suo mondo. Vera e propria isola separata dalla città moderna dal caratteristico Ponte Creolo o “ponte rotante”, la città vecchia fu profondamente colpita dall’arrivo dell’Ilva.

Questo è un monumento insolito e fatiscente. Antiche strade e case abbandonate sono solo una piccola comunità che un tempo era il vivace centro della città.

Nello de Grigorio è ricercatore e storico locale. “Sin da quando ho mosso i primi passi, ho amato la città in cui sono cresciuto”, ha detto alla CNN. “Ho letto, riletto, scoperto e riscoperto questa città, perché anche adesso, 2.500 anni dopo, la sua storia non è finita e molti segreti vengono ancora svelati”.

Ormai settantenne, de Grigorio Citte osservò direttamente il declino della Vecchia.

“La città di 30 anni è stata completamente abbandonata”, spiega. “Finalmente sono stati avviati nuovi progetti, che sono molto importanti. Ci auguriamo che entro il prossimo decennio, si possa finalmente cambiare completamente volto a questa zona di Toronto, che è la più bella, storicamente significativa, la più antica”.

Stanze sotterranee

Lo storico Nello de Grigorio in uno dei locali sotterranei della città vecchia.

Lo storico Nello de Grigorio in uno dei locali sotterranei della città vecchia.

Jonathan Hawkins / CNN

Tra gli interessi di de Grigorio ci sono le numerose camere sotterranee che si intrecciano sotto il centro storico.

Aprendo la porta di una delle stradine della città vecchia, conduce la CNN attraverso una serie di scale buie e sotterranee, guidati dalla luce delle torce attraverso stanze, ipossia e tunnel, e infine nel mare.

“Ci sono da 60 a 65 ipocrisie qui, solo la metà delle quali sono attualmente accessibili. Quasi tutto risale all’era greca. Le grotte erano vuote per raccogliere materiali per la costruzione di antichi templi, poi la città medievale fino al 1800 d.C.”

I loro usi andavano dalle cerimonie di sepoltura ai rapimenti, spiega.

Il seminterrato è una delle tante proprietà nascoste all’interno della città vecchia.

Simone Marquez, che ha lavorato come consulente di architettura del Comune di Toronto negli ultimi quattro anni, ha tracciato il suo background.

“La città vecchia è stata abbandonata perché i nuovi posti di lavoro portati dalle industrie pesanti hanno permesso alle persone di desiderare rifugi di alta qualità, quindi i vecchi edifici della città vecchia sono diventati sempre meno attraenti”.

“All’inizio degli anni ’90, solo una piccola parte della popolazione viveva lì 30 anni fa”, continua, “quindi la maggior parte degli edifici si è trasformata in bombe vuote, e una parte consistente di questo immobile è di proprietà e tuttora di proprietà di il Comune.

“Ci offre un’incredibile opportunità. La città vecchia è da decenni sull’orlo dell’interesse immobiliare, quindi la sua architettura e le infrastrutture originali sono ancora intatte. Molti degli edifici sono in pessime condizioni, ma sono sempre gli stessi edifici che sono stati costruiti nel corso della storia.”

La rinascita della Cittadella potrebbe essere una scintilla per un ampio cambiamento, crede Marquez. “Una delle cose chiave che stiamo cercando di fare nella ricostruzione della città vecchia è garantire che possiamo liberare il potenziale dei beni culturali della città vecchia e agire da catalizzatore per la crescita”.

READ  Micro-Mobility Leader lancia la flotta di e-scooter ad Helpis, Otranto, Italia

La città e il mare

Una nave alta salpa per Murray Piccolo attraverso il Ponte Creola di Toronto.

Una nave alta salpa per Murray Piccolo attraverso il Ponte Creola di Toronto.

Comune di Toronto

La strategia di Toronto per la città vecchia ruota intorno al restauro, al ripopolamento e all’accesso.

Come altre città italiane, il comune ha testato la vendita di 1 case sull’isola, tutte vendute.

L’Università di Barry ha acquisito alcuni degli edifici più grandi della città vecchia, mentre nuovi negozi e ristoranti si rivolgono ai visitatori.

Una classica vecchia scimmia italiana, grande cugina di Vespa (Vespa Vespa significa italiano; scimmia significa “ape”), porta i turisti in giro per le strade labirintiche di Citte Vecchia.

In quelle strade, la CNN trova Giovanni Fabiani, un turista in visita da Roma. I suoi occhi si illuminano quando sente le sue impressioni su Sitte Vecchia.

“Non c’è niente di cui essere gelosi a Roma”, grida. “Il museo, il centro storico, quest’isola, è così meraviglioso. Amo passeggiare in queste stradine e ascoltare le loro storie. Purtroppo, non credo che sia stato curato come dovrebbe essere. Due giorni qui, da queste parti, nella vita ne vale la pena.”

Un importante progetto incentrato sul restauro è la riprogettazione di 36 milioni di milioni di corsi d’acqua del Mar Grande di Toronto, un marciapiede elegante e moderno che costruirà nastri nei suoi vari distretti.

L’assessore comunale Upaldo Ocinegro, che si occupa di urbanistica e innovazione, afferma che il progetto Mar Grante “ripristina e attiva il rapporto tra la città e il mare e ricollega i suoi tre quartieri attraverso una pavimentazione senza soluzione di continuità a livello del mare con vari servizi e punti di accesso. ” . ”

Il progetto collegherà il nuovo terminal di Toronto con la parte inferiore delle mura aragonesi che circondano la città vecchia, offrendo ai visitatori una nuova prospettiva, spiega.

Nel complesso, si spera che questi nuovi progetti cambieranno completamente la percezione di Toronto di visitatori e residenti e impediranno che il destino della città diventi sfuggente.

La difficile situazione di Toronto è sempre stata che Ilva impiega 10.000 persone. Eliminare del tutto quei lavori sarebbe un passo drastico, ma Melucci crede che un compromesso sia possibile, principalmente attraverso la decarbonizzazione degli impianti.

“L’idea è di liberarci dall’Ilva, quindi non è ‘fabbrica’, ma ‘fabbrica’. Vogliamo che sia una versione più piccola, moderna, più sicura rispetto al passato”.

Alla fine, e forse alla città dei due mari, Meruchi crede che il destino di Toronto sia quello di concentrarsi meglio sulle acque che la circondano.

“Per Toronto vedo il mare, l’oceano e l’oceano. Qualunque sia la domanda, la risposta è l’oceano”, dice. “Perché l’oceano è il nostro DNA, è la nostra fortuna, il nostro sostentamento, la nostra salute, i giochi dei nostri bambini, è probabilmente il nostro futuro”.

“È una grande città, non si vive solo di escursioni, eventi divertenti”, continua.

“Ci vuole la fabbrica, ci vuole il porto, c’è bisogno di bilanciare tutto. Siamo nel cantiere dell’Ilva da 50 anni, non siamo più così. Questa è la foto che vogliamo presentare alla fine di questo viaggio”.

READ  fuboTV acquisisce i diritti esclusivi di Serie A e Coppa Italia per il Canada