Settembre 26, 2021

La Pausa Info

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su La Pausa Info

Tornato nella finale di Wimbledon, Djokovic affronterà l’italiano Beretini

Wimbledon, Inghilterra (AP) – Continuano le vittorie di Novak Djokovic: 20 di fila a Wimbledon dall’inizio del torneo 2018, 20 di fila in tutte le partite del Grande Slam dall’inizio di questa stagione.

Sconfiggi Matteo Berettini in finale all’All England Club e ottieni due linee fino a domenica 21, e Djokovic legherà i rivali Roger Federer e Rafael Nadal per il 20esimo più grande campionato nella storia del tennis.

“Significa tutto”, ha detto Djokovic in alto. “Semplicemente ci è venuto in mente allora. Ecco perché gioco. ”

Era fuori dai guai contro un avversario molto giovane e molto inesperto fino a quando non ha sconfitto il numero 10 Denis Shapovalov 7-6 (3), 7-5, 7-5 in semifinale al Centre Court.

Ogni set è stato serrato e intenso. Tutto sembrava essere nelle mani di Shapolo, fino a Djokovic.

“Stava scontando il primo set. È stato migliore per la maggior parte del secondo set; C’erano molte opportunità e non poteva chiuderlo quando ne aveva bisogno “, ha detto Djokovic, 34 anni, che ha 12 anni in più di Shapovalov. “Nei momenti critici, penso di aver mantenuto i nervi saldi meglio di lui, e gli ho fatto giocare un tiro in più, (lui) ha commesso un errore non convincente”.

Djokovic ha commesso solo 15 errori non forzati, Shapovalov 36. Altre cifre chiave: Djokovic ha salvato 5 break point su 5 nel secondo set, poi ne ha salvati 3 su 3 nel terzo.

“La cosa più dolorosa a questo punto è stata la sensazione che la partita fosse finita, ed era possibile andare in Coppa e giocare”, ha detto Shapovalov, che si è allontanato in lacrime dopo essere caduto 0-7 contro Djokovic. “È una sensazione che non ho mai avuto prima, motivo per cui mi ha fatto così male. In alcune parti della competizione mi sono sentito come se stessi superando Novak.

READ  Nuovo look L'Italia batte il Galles mentre entrambe le squadre avanzano agli ottavi di finale

Così vero. Ora un altro nuovo primo nemico di questi livelli, No. 7 Seed Bertini, ci darà una possibilità.

“Tienilo!” Il grido (Vai!), “Forza!” (Andiamo!) E “Andiamo, Amore Mio!” (Andiamo, mia cara!) In precedenza suonava nell’arena principale dell’All England Club, supportando Beretini nella sua lingua sulla strada per diventare il primo finalista maschile del Grande Slam italiano in 45 anni.

Con 22 assi per aiutare a compilare un totale di 60 vincitori, e con un potente diritto, Bertini ha usato la corsa di 11 game per prendere un grande vantaggio e abbattere il 14° Hubert Harks 6-3, 6-0, 6- nel set. 7 (3), 6-4.

Djokovic sta cercando di raccogliere il suo sesto campionato a Wimbledon – il terzo consecutivo – con nove dall’Australian Open, tre dagli US Open e due dall’Open di Francia.

E poi c’è questo: Djokovic vince i trofei sui difficili campi di Melbourne Park a febbraio e la terra rossa del Roland Garros a giugno – sconfigge Berettini nei quarti di finale lì – con solo tre giocatori rimasti agli US Open, con l’anno solare che va al Grande Slam.

Da quando Rod Laver ha vinto il Grande Slam nel 1969, nessun uomo ha allungato quei tre titoli in meno di un anno, figuriamoci quattro.

Questa è la trentesima grande finale di Djokovic, e la prima finale di Berettini. La 41esima big semifinale di Djokovic, la prima di Shapolo.

La 25enne Bertini, che ha perso la sua precedente semifinale dello Slam agli US Open 2019, ha dichiarato: “Voglio vincere il trofeo ora perché sono qui”.

Ha vinto 11 tornei sui Bull Courts il mese scorso, incluso il titolo alla Queen’s Club Band, ed è diventato il primo uomo dopo Boris Becker a vincere il suo trofeo all’evento nel 1985.

READ  La variante delta del COVID-19 si diffonde in Italia - Istituto Superiore di Sanità

Hurgas è arrivato a Wimbledon dopo aver perso sei partite, ma è arrivato alla sua prima semifinale dello Slam, battendo Federer e il numero 2 Daniel Medvedev. “Non ho molte opportunità, in fondo. Probabilmente zero.”

Quando si è rotto per la prima volta, il 24enne polacco si è seduto per il prossimo cambio e, nel bel mezzo di un morso di banana, ha detto al suo allenatore americano Craig Pointon di regolare la disposizione dei posti nel palco degli ospiti. Quello è il problema.

La sua ragazza, Ajla Domljanovic, che questa settimana è arrivata ai quarti di finale, ei suoi genitori e suo fratello – la cui madre è stata intervistata in campo con il suo cellulare – sono a due punti dalla vittoria del terzo set di Beretini.

Ma prima che Bertini potesse riaffermarsi, Hurgas ha allungato il match per un set in più.

Un sinistro vibrante, a volte violento, oscillante, quando una delle sue mani è arrivata al rovescio, Shapolov ha continuato a spingere Djokovic al limite, ma non è riuscito a fare il lavoro.

Quel rovescio ha costretto un errore di Djokovic a completare un trasferimento di 15 colpi che ha dato a Shapovalo una pausa e un margine di 2-1. Ha allungato sul 5-3, aveva due punti per raccogliere il set nella partita successiva, ma non è riuscito ad avvicinarsi.

Shapovalov, che ha servito il set 5-4, è inciampato, spinto dall’incrollabile difesa di Djokovic.

Djokovic è crollato e poi ha primeggiato allo spareggio. Non perfetto, ma eccellente.

Spesso funziona bene per giocare sul sicuro e per consentire l’errore di Shapolov. Shapovalov ha commesso un doppio errore per completare il set. Lo ha fatto di nuovo per cadere dietro 6-5 al secondo posto. Di nuovo nel gioco lo ha spinto di nuovo al terzo posto 6-5.

READ  L'Italia celebra Ennio Morricone con una nuova moneta

Nel frattempo, Djokovic stava prendendo a pugni e urlando in aria, sapendo che l’esito della partita e un’altra finale era vicina. ___

Più AP Tennis: https://apnews.com/hub/tennis e https://twitter.com/AP_Sports