Sanatoria liti fiscali ecco le scadenze e le modalità di pagamento

Written by | Fisco e tasse

Sanatoria liti fiscali

La sanatoria liti fiscali consentirà a chi ha pendenze legali con il fisco di poter sanare la propria posizione pagando solo il debito originario.

Le domande per la sanatoria liti fiscali dovranno essere presentate entro il 30 settembre di quest’anno. Dopo la definizione agevolata delle cartelle Equitalia arriva anche questa nuova soluzione che viene accordata per coloro che hanno in corso liti fiscali nei vari gradi di giudizio. Infatti la possibilità di fare richiesta di sanatoria liti fiscali è estesa non solo ai ricorsi di primo e secondo grado ma anche a quelli giunti fino in Cassazione.

Per importi che eccedono i due mila euro, la rateizzazione avverrà in tre soluzioni ma solo a condizione che l‘80% venga saldato entro il 2017 e la rimanente parte entro giugno 2018. Una concreta possibilità offerta ai contribuenti evasori di sanare la propria posizione rinunciando alla lite pendente e ottemperando ai propri obblighi versando solamente l’importo originario, ‘spogliato’ dalle sanzioni e dagli interessi applicati.

Per importi che superano i due mila euro è invece consentita, al contribuente, la possibilità di versare il 40% dell’importo dell’onere (detratto da spese e interessi) entro il mese di settembre del 2017, mentre la seconda tranche (per un altro 40%) dovrà essere versata entro novembre. La terza e ultima rata, dovrà essere pagata entro il mese di giugno dell’anno successivo. Se la lite pendente riguarda nello specifico gli interessi e le sanzioni, in tal caso l’importo da pagare per la sanatoria liti fiscali è del 40%.

Qualora la lite fiscale è relativa solo all’applicazione delle sanzioni connesse ai tributi, per definire la pendenza non dovrà essere versato alcun importo se il rapporto che riguarda i tributi sia stato già definito con modalità diverse. Dopo la rottamazione delle cartelle esattoriali, la sanatoria delle liti pendenti col fisco, rappresenta un altro ulteriore passo in avanti nell’ambito del progetto ‘fisco amico’ ideato da Matteo Renzi e proseguito dal governo Gentiloni.

Last modified: 24/04/2017