Settembre 24, 2021

La Pausa Info

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su La Pausa Info

L’Italia, che offre il G20, chiede regole più severe per la “kick economy”‘

Andrea Orlando, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali d’Italia, parla in una conferenza stampa congiunta tra il Primo Ministro italiano e il Ministro dell’Economia italiano il 19 marzo 2021, dopo la riunione del Consiglio dei Ministri a Roma, Italia. Alberto Pisoli / Piscina

ROMA, 20 giugno (Reuters) – L’Italia chiederà regole più severe per i lavoratori della ‘kick economy’ quando la prossima settimana ospiterà i ministri delle maggiori economie mondiali al Gruppo 20.

Andrea Orlando, ministro del Lavoro italiano, afferma che i paesi hanno bisogno di grandi aziende come Amazon (AMZN.O) Nell’ambito delle riforme volte a garantire che gli appaltatori si comportino bene, devono assumersi la responsabilità delle condizioni di lavoro dai loro fornitori.

“Anche le grandi aziende devono assumersi la responsabilità per le piccole. Non possono più dire che non gli importa cosa succede fuori dai loro fienili”, ha detto a Orlando il quotidiano italiano La Repubblica.

Le serrature per l’infezione da COVID-19 hanno aumentato la necessità di lavoratori ordinari come i conducenti di consegne di cibo, mentre gli addetti alle pulizie e gli addetti alla manutenzione devono affrontare rischi per la salute e la sicurezza.

Il vertice del G20 è alle porte in Sicilia poiché l’UE prevede di proporre un quadro normativo a livello UE entro la fine dell’anno e i tribunali e le autorità di regolamentazione hanno cercato di affrontare le carenze riscontrate nella kick economy. leggi di più

Arriva tra l’indignazione pubblica in Italia per la morte di un sindacalista venerdì, la morte di un camionista durante una protesta contro la perdita di posti di lavoro presso la società di logistica statunitense FedEx.

READ  Geo con la Coppa Italia aggiunge valore al suo abbonamento TV sportivo

I sindacati hanno accusato il governo di utilizzare metodi di outsourcing e gestione del lavoro su piattaforme internazionali per erodere diritti e salari.

Orlando ha affermato che l’applicazione delle regole sindacali sui siti all’estero è una sfida, ma non dovrebbe essere una scusa per le aziende per evitare la qualità del lavoro. “Non è un caso che sia soggetto al G20”, ha detto Orlando.

Report di Peter Groff, a cura di Giselda Wagnoni

I nostri standard: Principi della Fondazione Thomson Reuters.