Settembre 26, 2021

La Pausa Info

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su La Pausa Info

La variante delta del COVID-19 si diffonde in Italia – Istituto Superiore di Sanità

Italia, Modera, 28 giugno 2021 A causa del calo dei casi e degli ospedali di casi di virus corona (Govit-19), le persone riposano senza indossare maschere mentre l’Italia alza le maschere obbligatorie all’esterno.

MILANO, 30 luglio (Reuters) – La variante delta altamente contagiosa del virus corona ha dominato l’Italia, hanno detto venerdì l’Istituto Superiore di Sanità (Iss), mostrando il 94,8% dei casi al 20 luglio.

Questa variazione, identificata per la prima volta in India nel dicembre 2020, ora domina il mondo e ha portato a un aumento dei tassi di infezione che ha sollevato preoccupazioni sulla ripresa economica globale.

In un precedente sondaggio basato sui dati del 22 giugno, la variante delta rappresenta solo il 22,7% dei casi. Al contrario, al 20 luglio, la variante alfa era il 57,8% del 3,2% dei casi.

“È essenziale che i casi siano adeguatamente monitorati e che il ciclo vaccinale sia completato rapidamente”, ha affermato il leader dell’ISS Silvio Brucefero in una nota.

L’ISS non ha avuto tutti i diversi casi nella sua indagine, ma l’ha trovata il giorno in cui è stata condotta. La variante gamma identificata per la prima volta in Brasile è scesa dall’11,8% all’1,4% dei casi nell’ultima indagine.

La società indica un “aumento molto piccolo” nei casi di variazione beta identificati per la prima volta in Sudafrica, che afferma di essere caratterizzato da immunodeficienza parziale.

Dall’eruzione del febbraio dello scorso anno, l’Italia ha registrato 128.029 morti legate al Covit-19, la seconda più alta d’Europa dopo la Gran Bretagna e l’ottava più alta al mondo. Finora ha registrato 4,34 milioni di casi.

READ  Starford offre vendita al dettaglio di ispirazione rinascimentale italiana a Costa Fires - Cruise Business News

Quasi il 59% degli italiani in 12 anni è stato completamente vaccinato a partire da venerdì, mentre circa il 10% è in attesa della seconda dose.

Relazione di Emilio Barodi; Montaggio di Joe Bavier

I nostri standard: Politiche della Fondazione Thomson Reuters.