Settembre 24, 2021

La Pausa Info

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su La Pausa Info

La giovane principessa sta lottando per la sua pretesa al (rimosso) trono d’Italia

I diretti discendenti dell’ultimo re d’Italia sono divisi su chi debba guidare la famiglia. Per migliaia di anni, solo gli uomini hanno potuto governare la famiglia. Vittorio Emanuel de Savoy, l’attuale capo del palazzo sabaudo, conferì alla famiglia il potere di guida quando emanò un editto in occasione del 16° compleanno della nipote.

La principessa Vittoria di Savoia – la stella nascente su Instagram – è ora la prima donna a diventare una figura di famiglia in 1.000 anni.

“Penso che questo sia un atto molto importante, soprattutto ora che le donne stanno difendendo così tanto i loro diritti nel 2021”, ha detto a ABC News nella sua prima intervista alla telecamera.

Il padre di Vitoria, il principe Emanuele Filiberto di Venezia, ha affermato che il trasferimento è stato un segno dei tempi.

Poiché sempre più donne reali in tutta Europa si impadroniscono dei troni dei loro paesi, è certo un aumento nei ranghi reali di Victoria.

“Penso che la prossima generazione di royalties in Europa saranno principalmente donne, perché se guardi alla Spagna, se guardi alla Svezia, se guardi alla Norvegia, se guardi al Belgio nel Regno Unito, abbiamo un esempio fantastico, Queen ,” Egli ha detto.

Ma, naturalmente, c’è chi si oppone alla giovane principessa.

In Russia, un ramo separato della famiglia si rifiuta di accettare le nuove regole. Il principe Imon de Asta, un lontano cugino di Vittoria, ha negato la richiesta di commento di ABC News, ma il New York Times ha affermato che l’affermazione di Vittoria era “completamente illegale”.

READ  I giocatori della Juventus offrono solide prestazioni per l'Italia -Juvef.com

Il padre di Vittoria non era d’accordo. Ha detto che la ragione per cui alcune persone non supportano Vittoria è perché vogliono che abbiano il potere.

“Mi hanno pensato senza un erede maschio, penso che finalmente arriverà per loro, ma oggi penso che i tempi siano cambiati. Dobbiamo stare al passo con i tempi e i tempi moderni. Quindi è naturale che non siano felici, è molto triste per loro”, ha detto Emanuele.

Gli Asta sono ora in competizione per la pretesa di Vittoria attraverso una società ormai invecchiata chiamata Consulta de Senatori del Reigno, che è stata sciolta quando la monarchia è stata abolita, ha detto Emanuel.

“La Consulta è morta quando mio nonno ha lasciato l’Italia, quindi hanno ricreato una falsa Consulta con lo stesso nome per credere”, ha detto Emanuel.

I conflitti tra Savoia e Asta durarono decenni e si dice che il padre di Emanuele abbia accoltellato uno dei suoi parenti in una rissa con il futuro re di Spagna.

“No, non l’ha accoltellato, gli ha solo dato una bella amarezza, forse un po’ violenta”, ha scherzato Emanuel.

La contraddizione, nel mezzo del dramma reale, non ha un vero trono da combattere; L’Italia ha rovesciato la sua monarchia nel 1946 e gli ultimi reali erano considerati molto vicini al famigerato dittatore Benito Mussolini.

La famiglia Savoia alla fine fu costretta all’esilio, lasciando dietro di sé il proprio regno e molti palazzi costruiti dai loro antenati nel corso degli anni. Emanuel ha detto che gli è stato permesso di tornare in Italia nel 2002, ma un’ulteriore prova che era dalla parte della sua famiglia accanto al trono deportato (defunto).

READ  Gli highlights del 3-0 dell'Italia sulla Svizzera

“Siamo stati deportati dalla Repubblica Italiana, e siamo stati esiliati perché se la monarchia fosse tornata, mio ​​padre sarebbe stato re”, ha detto.

La famiglia sostiene che questa lotta è più di una corona di fantasia, riguarda gli ordini dinastici della famiglia. Emanuel ha paragonato la sua famiglia reale a un ente di beneficenza e ha affermato che servono a promuovere gli interessi dell’Italia nel mondo.

“Tutto quello che faccio, lo faccio per l’Italia”, ha detto.

“Il ruolo della monarchia è avere qualcuno al di sopra della politica. È come una bandiera. La regina o il re è una persona che rappresenta tutte le persone di questo paese”, ha detto.

Ecco perché considera un peccato che il duca e la duchessa del Sussex abbiano deciso di dimettersi dai loro doveri di membri della famiglia reale britannica.

“Non è un tappeto rosso, non è una scena di un film, è la vita reale, ma d’altra parte penso che sia pronta. Sa dove sta andando, quindi personalmente penso che sia triste sputare nel piatto che stai mangiando”, ha disse.

Parlando della partenza del principe Harry e Megan Markle dalla monarchia, il principe di Venezia ha affermato di ritenere molto importante rinunciare alla base reale.

“Forse è difficile da capire negli Stati Uniti, ma quando vieni da una famiglia reale cresci con quei titoli, quei valori, quei doveri, è una parte di te, devi perdere titoli, lui (il principe Harry) era nato – è così difficile. È terribile arrendersi “, ha detto Emanuel. “Avevano molto da dare al Regno Unito, molto da fare nel Regno Unito”.

Emanuel ha ora lavorato a diversi documentari su Casa Savoia e offre i diritti per il suo ristorante italiano “Prince of Venice” a Los Angeles.

READ  7 nuovi hotel da visitare in Italia quest'estate - Rob Report

Quanto a Vittoria, ora si prepara a diventare il capofamiglia. La principessa non è coinvolta in nessuna delle lezioni, ma passa il tempo a conoscere la sua storia familiare e a conoscere l’Italia.

“Sento, so di avere grandi responsabilità e mi preparo per questo”, ha detto. “Abbiamo ancora molto da fare. Sono molto grato. Combatterò per questo”.

Emanuel dice che suo padre l’ha spinta a sviluppare una buona etica del lavoro, motivo per cui recentemente ha “pulito le stanze e servito la cena al ristorante” dell’Hotel Alfred Somier.

“È molto importante, è importante lavorare. Devi capire che è difficile essere pagati, devi essere rispettoso”, ha detto.

Nonostante le controversie che circondano la sua posizione di re, Vittoria non ha intenzione di rinunciare alla sua pretesa su Asta.

Anche se al momento non è noto se la monarchia farà un vero ritorno in Italia, Emanuel ha detto: “Mai dire di no”.