Settembre 24, 2021

La Pausa Info

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su La Pausa Info

Il problema dell’Italia getta un’ombra sulle vacanze estive di Bank Tracy

  • La banca più antica del mondo in crisi da oltre un decennio
  • È necessaria una soluzione per proteggere la stabilità finanziaria
  • I senesi temono che molti posti di lavoro andranno persi nella fusione Unicredit
  • Drake ha chiarito il coinvolgimento diretto

Siena, 13 ago (Reuters) – Al ritorno del presidente del Consiglio Mario Draghi dalle sue brevi vacanze estive, una delle voci più importanti della sua lista delle “cose ​​da fare” risolverà finalmente i problemi della banca più antica del mondo, il Monte de Pacquia de Siana (MPS).

Gli analisti affermano che il crollo dell’istituto di credito toscano dal 2008 ha offuscato il record di Tracy, poiché il leader italiano della banca ha accettato di acquistare la rivale Antonvenetta a un prezzo più elevato, contribuendo al suo crollo finanziario. leggi di più

Tredici anni di corruzione, gestione delle crisi e assistenza governativa che fanno galleggiare il MPS hanno trasformato il quarto più grande istituto di credito del Paese nella banca numero 1 di Roma, un fallimento che potrebbe influire sulla stabilità finanziaria dell’Italia.

La vendita della banca completerà la ristrutturazione del settore bancario del paese mentre i finanziatori si preparano a un nuovo fallimento a causa della crisi del governo 19.

Il governo pensava di aver trovato una soluzione per fondersi con la sua migliore controparte italiana, Unicredit, quest’estate.

I partiti di tutte le linee dell’Alleanza di unità nazionale di Drake hanno protestato contro la perdita di posti di lavoro a seguito della proposta di fusione con Unicredit, con sede a Milano.

“Le radici regionali del MPS, i suoi lavoratori e il suo marchio vanno tutelati”, ha detto a Reuters Antonio Miziani, leader economico del Pd di centrosinistra.

Politica e MBS (BMPS.MI) Sono stati a lungo intrecciati.

Come altre parti della Toscana centrale, Siena è una tradizionale roccaforte del PD, spesso criticata per averla utilizzata come fonte di sostegno, lavoro e voti per contribuire ai problemi della banca.

READ  Mostre imperdibili in Italia quest'estate

Il leader della Ridingwing League Matteo Salvini è desideroso di creare capitale politico in vista di un’elezione suppletiva cruciale in città, definendo il MPS un “disastro del PD” e opponendosi alla fusione.

Vuole che il governo federale aiuti UP Credit e Indesa Sanpolo a lavorare con debitori contro-medi con forti radici locali.

UT non offre alternative al link di credito.

Difficile sopravvalutare il ruolo che ha avuto la MPS nella storia di Siana, fondata nel 1472 per aiutare i poveri con prestiti a basso costo. È stato a lungo il più grande datore di lavoro della città e la gente del posto, tradizionalmente indicata come “Daddy Monte”, ha guardato con orrore alla sua devastazione.

Alle annuali gare intermedie di Siana, le processioni facevano sempre tre tappe per inchinarsi davanti alle istituzioni cittadine: presso il municipio, l’arcivescovado e la sede del MPS.

“Il popolo di Siena è caduto in tre grandi divisioni”, ha detto a Reuters il sindaco Luigi de Mossi. “Le persone che hanno lavorato in MPS, coloro che vogliono lavorare in MPS e coloro che hanno lavorato in MPS”.

cauzione di stato

Poiché l’Italia ha vissuto tre profonde recessioni dal 2008, la banca ha perso 31 miliardi di euro (36 miliardi di dollari) nel suo portafoglio debiti per una perdita totale di 21 miliardi di euro. Un salvataggio statale nel 2017 costerà ai contribuenti 5. 5,4 miliardi.

Una soluzione non sarà a buon mercato.

Unicredit (CRDI.MI) A MPS non piacciono le filiali nel sud più povero d’Italia e ha accettato di acquistare solo “aree selezionate” da piccoli azionisti senza essere influenzato dai suoi buffer di capitale, e l’utile per azione aumenterà di almeno il 10%.

READ  Spagna, Francia e Italia rappresentano oltre la metà delle importazioni europee di razze congelate

Inoltre, il governo, che possiede il 64% del Mps, sopporterà tutti i rischi legali della sua cattiva gestione e di essere già in difficoltà o indebitato o trasformarsi in un credito uni acida.

L’amministratore delegato di Unicredit Andrea Arcel, che ha consigliato a MPS il contratto con Antonvena come banchiere Merrill Lynch nel 2007 – descrive l’elenco come la migliore opzione di M&A, compresi i tagli di posti di lavoro finanziati dal governo che potrebbero raggiungere un terzo dei 21.000 dipendenti di MPS.

Andrea Granoy, capo della sezione sindacale di Siena, ha detto che tutti e quattro i suoi telefoni hanno squillato “dalla mattina alla sera” di chiamate di lavoratori timorosi dell’MPS. “L’eccessiva perdita di posti di lavoro avrà conseguenze negative per il governo e tutti coloro che lo sostengono”, ha avvertito.

Allora, come fa Drake a quadrare il cerchio? Finora ha cercato di mantenere una distanza di sicurezza affermando di non aver seguito personalmente il documento e di non aver deviato le domande dei giornalisti in tesoreria.

Può essere molto difficile poiché i problemi del MPS salgono in cima all’agenda del suo governo e sulle prime pagine dei giornali del paese.

L’Accordo Unicredit costerebbe ai contribuenti italiani oltre 5 miliardi di euro in sussidi governativi, incentivi fiscali e un impegno a rafforzare il capitale della banca collegata.

Il contratto è finito?

Ha detto che il Tesoro italiano è l’unico modo per evitare che il MPS diventi un drenaggio permanente dei fondi statali e che un accordo finale tra due persone vicine ai negoziati sarebbe una questione di perfezionamento dei dettagli tecnici.

La fase di due diligence si svolgerà formalmente all’inizio di settembre, ma potrebbe richiedere almeno due o tre settimane, ha affermato la terza fonte, aggiungendo che un accordo prima di ottobre non è possibile.

READ  L'Italia, che offre il G20, chiede regole più severe per la "kick economy"'

I politici, tuttavia, chiedono a Tracy di conoscere il prezzo esatto della fusione.

Ad elevare ulteriormente la posta in gioco politica, il leader del PD, Enrico Letta, che non ha posto in parlamento, ha cercato di vincere le imminenti elezioni suppletive a Siena e di ottenerne una. Ha detto che si sarebbe dimesso dalla carica di leader del partito se avesse perso.

Il seggio, che doveva essere contestato il 3-4 ottobre, era vacante quando l’ex ministro delle finanze Pierre Carlo Bowden è stato nominato presidente non accreditato del PD ad aprile.

La Lega di Salvini e i fratelli d’Italia, suo alleato di destra, sentono l’opportunità di sferrare un pericoloso colpo a sinistra.

Il loro candidato comune contro Letta è l’enologo locale, Tomaso Marcy, che possiede 220 ettari di vigneti nella campagna cinese e interpreta un outsider interessato solo alla politica di potere nazionale.

Nelle strade deserte di Siena durante le vacanze di agosto, la gente del posto dice che evitare le elezioni suppletive e prendersi cura di sé salverà posti di lavoro.

“E’ chiaro che la banca non può reggersi da sola”, ha detto il sindaco di Siena. “Ma una soluzione è proteggere lavoratori e fornitori. La politica ha preso molto da MBS e Siana. Ora è tempo per noi di recuperare qualcosa”.

(1$ = 0,8527 euro)

Relazione aggiuntiva di Giuseppe Fonde; Scritto da Gavin Jones e Valentina Saw; Modifica in Elaine Hardcase

I nostri standard: Politiche della Fondazione Thomson Reuters.