Fs, bilancio record e dividendo per 300 mln: ora si punta all’alta velocità in California

Written by | Finanza

FS

L’ad di Fs, Renato Mazzoncini ha presentato il bilancio che ha visto l’azienda di stato crescere del 66,4% in fatto di utili.

Fs, le Ferrovie di Stato Italiane, grazie ad un bilancio record hanno staccato dei corposi dividendi da 300 milioni di euro nelle casse asfittiche dello stato italiano. Una azienda che si colloca in testa in fatto di redditività rispetto ai competitori europei e che ha già annunciato nuovi e succosi investimenti per il 2017. Una delle operazioni suggestive sarà l’integrazione con Anas, l’ente che gestisce le autostrade italiane, ma già si profila anche la quotazione in Borsa. L’ostacolo che si è frapposto all’approdo a Piazza Affari è stata la distanza che ancora emerge tra il Tesoro e il Pd. Una patata bollente che il governo Gentiloni passerebbe volentieri l’anno venturo al prossimo governo.

Renato Mazzoncini, l’ad di Ferrovie di Stato Italiane ha presentato il bilancio che ha evidenziato un utile da 772 milioni di euro con un +66,4% rispetto a quello dell’anno precedente. Numeri che hanno consentito a Fs di distribuire ben 300 milioni di euro al Governo italiano, che rappresenta l’azionista di riferimento. In positivo anche i ricavi operativi che sono saliti sensibilmente del 4% toccando quota 9,93 mld. Lo stesso Mazzoncini ha espresso profonda soddisfazione per un bilancio da record che colloca le Fs al primo posto per redditività rispetto a tutte le altre concorrenti europee: ‘Abbiamo un ritmo da 2.500 assunzioni ogni anno – gongola l’ad di Fs – e molti di questi sono neo-laureati. E’ evidente che tanti neo-laureati preferiscono lavorare in Ferrovie rispetto a colossi come Apple e Google’.

Ma Fs non si fermerà qui. Entro fine mese sarà richiesta anche l’acquisizione delle ferrovie della Grecia mentre parteciperà anche ad una gara in Olanda finalizzata all’acquisizione di una società di trasporto su gomma che gestirà il servizio urbano nelle città di Groeningen e Utrecht. E all’orizzonte si profila la sfida ad altri colossi per l’alta velocità in California.

Last modified: 26/04/2017