Settembre 26, 2021

La Pausa Info

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su La Pausa Info

Cycling-Golden Khanna fa vincere l’Italia nel sequel thriller

IZU, Giappone, mercoledì 4 agosto (Filippo Khanna) in finale al velodromo Isu, batte la Danimarca, incitando l’Italia all’atteso oro a squadre in campo maschile.

Asuri ha seguito nelle fasi finali della lotta di 16 giri, ma il motore di testa ha aumentato la potenza di Khanna ed è esploso al record mondiale di 3: 42.032, con Dance che ha rallentato a 0.166.

Martedì, il quartetto italiano dei detentori del record mondiale Khanna, Simone Concepcin, Francesco Laman e Jonathan Milan ha festeggiato battendosi il petto con i pugni dopo aver assegnato il loro primo oro nel 1960 a squadre.

Il treno italiano vestito di blu ha condotto la prima metà di 16 round attorno all’ovale di 250 metri, ma la Danimarca ha accumulato pressione per spingerli all’interno.

Dance ha quindi trasformato le viti in quello che sembrava un vantaggio decisivo, con Las Norman Hanson, Nicholas Larson, Frederick Matson e Rosmus Federson a quasi quattro secondi di distanza.

Ma non fatto in Italia. Kanna si sciolse e bruciò, ei quattro cominciarono a bruciare la scarsità. A un giro dalla fine la Danimarca aveva ancora l’oro negli occhi, ma è scivolato negli ultimi 100 metri quando l’Italia ha vinto l’ottavo titolo per estendere il record – e per la prima volta in 60 anni.

“Sappiamo che stiamo combattendo contro un’ottima squadra. Sappiamo che dobbiamo attaccarli negli ultimi km, ed è questo che ha fatto la differenza”, ha detto Khanna ai giornalisti. “Il piano è andato bene e ora abbiamo una medaglia d’oro al collo”.

Questo è il ritorno di Khanna, che ha perso la medaglia in due secondi nella cronometro su strada di 44 km.

READ  Geo con la Coppa Italia aggiunge valore al suo abbonamento TV sportivo

Il compagno di squadra Laman ha aggiunto: “Questo è un regalo per tutte le squadre perché sono passati cinque anni da quando abbiamo iniziato a lavorare per questo. Abbiamo una squadra bellissima, bellissima. Come una famiglia”.

Per i danesi, venire a Tokyo per il titolo per la prima volta dal 1968 è stato un duro colpo.

“Siamo incredibilmente delusi ora. Ci stiamo allenando per l’oro da molto tempo, quindi siamo molto delusi”, ha detto Hanson.

“Abbiamo perso contro una squadra che è andata qualche centesimo più veloce di noi. Sarebbe disastroso, ma possiamo essere orgogliosi dell’argento”.

L’Australia ha vinto la medaglia di bronzo dopo l’incidente della Nuova Zelanda. La Gran Bretagna, che ha ospitato l’evento dal 2008, è stata battuta dai danesi in circostanze controverse martedì e ha dovuto finire settima.

La squadra danese ha battuto la mappa quando ha battuto per tre volte il record mondiale di vincere l’oro ai Campionati del mondo 2020 a Berlino.

Sono arrivati ​​come una squadra vincente, ma martedì altre squadre, soprattutto dopo le proteste della Gran Bretagna, sono state coinvolte in polemiche che avevano sfruttato illegalmente per ottenere un vantaggio nei turni di qualificazione di lunedì.

Martedì hanno battuto i campioni in carica della Gran Bretagna, ma quel caldo si è concluso con polemiche quando Frederick Matson si è abbattuto sulla schiena di Charlie Dunfield, portando a molte obiezioni da parte degli inglesi.

Forse ha influito sulla danza, ma gli italiani non sono stati disturbati dal suono del loro inno sul palco.

Gli olandesi Jeffrey Hookland e Harry Lavreson sono all’altezza del loro tag preferito nei primi turni di mercoledì.

READ  L'Italia afferma che il 99% dei decessi per COVID da febbraio non è stato completamente vaccinato

Combinati per vincere l’oro nello sprint a squadre del giorno precedente, non potevano essere separati poiché hanno stabilito un solo tempo di 9.215 nei 200 m con partenza volante.

Il duo ha facilitato altri due round per ottenere il proprio posto negli ultimi 12 per tornare giovedì.

L’attuale campione Jason Kenny, che si è qualificato per l’argento nello sprint a squadre, è stato l’ottavo più veloce nei 200 metri di partenza al volo, ma è stato al sicuro per tutto il giorno come il compagno di squadra Jack Carlin.

(Questa storia è stata compilata per correggere l’ortografia “ispirata” nel primo paragrafo)

Relazione di Martin Herman; Rapporto aggiuntivo di Shiho Tanaka e Hardik Vyas; Montaggio di Claire Fallon e Hugh Lawson

I nostri standard: Politiche della Fondazione Thomson Reuters.